La lunga marcia di ITALIA-VIRTUALE

Era il 28 gennaio, meno di un mese fa, che abbiamo dato vita al gruppo ITALIA-VIRTUALE. Un gruppo di persone, che non si conoscevano e quasi non si erano mai viste prima, si sono ritrovate insieme, intorno alle idee lanciate da questo Magazine e da tanti altri. Pochi ma chiari, i punti di riferimento: unità, collaborazione, democrazia nelle scelte. Idee sempre lanciate da questo Magazine, e riprese, in questo inizio d’anno, con molta determinazione.

Dopo i primi due incontri, in cui si è discusso in modo aperto con tutti quelli che hanno voluto partecipare (più di 80 persone nel primo incontro!), una ventina di “coraggiosi” si è messo al lavoro, suddividendosi in tre gruppi e lavorando intorno allo Statuto ed al Programma. La storia della Second Life Italiana ci ha abituati a ogni tipo di vicissitudini e fallimenti: contrasti, polemiche tra land, protagonismi di personaggi sopra le righe, beghe di ogni tipo insomma. Eppure, questo gruppo di amici si è messo al lavoro, si è dato una organizzazione, un ordine nel condurre le attività, e un metodo per arrivare ad un risultato. Affrontando diverse difficoltà, con uno spirito paragonabile a quello che nella Vita Reale mettiamo nel nostro lavoro, stanno arrivando con determinazione al giorno in cui ogni gruppo di lavoro presenterà, indipendentemente, le proprie proposte, completando quella che abbiamo chiamato la “Fase Uno”.

immagineB

La riunione che si terrà il prossimo martedì 17 febbraio sarà fondamentale. Ogni gruppo esporrà le proprie proposte di Statuto e di Programma, mettendole così a fattor comune. Si aprirà a questo punto un confronto di merito, fino ad arrivare ad una sintesi, da cui verranno fuori i due documenti fondanti dell’associazione. Il risultato sarà poi presentato in Second Life, nel corso di un pubblico incontro, aperto a tutti, e, anche con la comunicazione sui social, valuteremo con attenzione i diversi contributi, critiche o suggerimenti ulteriori. A questo punto l’associazione si sarà quindi dotata delle regole di funzionamento e di un programma ufficiale, e potrà quindi accogliere quanti vorranno aderire alle proprie iniziative, allargandosi a tutti quelli, e speriamo siano molti, che vorranno, aderire sulla base di tali contenuti.

4c461d48-f0bc-4594-bfa9-422f9c1595fc

Un grande lavoro, e una grande determinazione nel riuscire a portare avanti il progetto. Ho avuto modo di conoscere personalmente tutti quelli che hanno aderito a questi primi gruppi di lavoro, e vi assicuro che mai, in Second Life, mi era capitato di vedere tanto entusiasmo e motivazione: discussioni accese, contributi innovativi, idee portate avanti in modo aperto e leale. Unità, collaborazione, democrazia. I valori fondanti del Gruppo.

Perché proprio ora? Perché siamo in un momento di grande transizione. A una stanca evoluzione della Second Life che conosciamo, e all’impegno della Linden Lab, e di altre aziende multinazionali, su nuovi fronti innovativi del virtuale, si stava creando un clima di attesa e quasi di rassegnazione, ad una lenta decrescita di Second Life, a favore di fantomatiche nuove piattaforme virtuali, che promettono meraviglie. Un affievolirsi della spinta propulsiva, e una stasi in attesa dell’immaginifico che verrà.

Invece io credo che mai errore più grande potrebbe essere commesso. Non è la tecnologia, non è la piattaforma, né i visori 3D, e neanche i programmi informatici, a creare il futuro. Sono le persone, le loro idee, i loro progetti. Ovunque e comunque. Solo le idee porteranno allo sviluppo dei nuovi Mondi Virtuali, e solo le persone che le faranno camminare col loro impegno saranno importanti. Nessuna tecnologia e nessuna piattaforma può essere risolutiva, se dietro non ci sono le idee e le persone. E con le persone, loro i loro valori: unità collaborazione, democrazia. Un caro saluto a tutti.

Rispondi