Snapshot_Concerti_1_002

La musica che gira intorno

Snapshot_Concerti_1_001

Il passatempo più diffuso ultimamente, in Second Life, è la frequentazione dei cosiddetti “concerti”. Concerti di ogni genere, di qualsiasi artista, e non necessariamente bravo o interessante. Certo, per le donne, lo shopping costituisce tuttora una passione, e un modo di spendere il proprio tempo, irrinunciabile, ma andare a “sentire musica” è di certo quello che gran parte dei residenti di Second Life fanno abitualmente nelle loro serate virtuali. Non si tratta di certo di una spiccata vocazione o interesse per la musica, poiché a volte si ascoltano rappresentazioni orrende di cantanti stonatissimi, ma uno dei pochi modi, ormai, per passare del tempo in compagnia del proprio gruppo o di amici improvvisati.

 Snapshot_Concerti_1_003

Come si è arrivati a questo stanco vivacchiare? Ci si è arrivati con una diminuzione crescente degli eventi artistici, dei progetti con qualcosa da esprimere, e da mostrare agli altri, con una diminuzione della passione per il building, conseguente alla stanchezza dei vecchi Costruttori (http://www.virtualworldsmagazine.com/in-principio-era-la-terra/) e al progressivo abbandono di molte land in seguito al lievitare dei prezzi degli affitti. E, purtroppo, con l’abbandono del Metaverso da parte di molti artisti e professionisti della prima ora. Il risultato è stato una progressiva desertificazione intellettuale, una perdita di apporto di idee innovative, e di passioni da trasmettere, e quindi una mancanza di stimoli e di capacità realizzativa.

Sono rimasti i cantanti. Alcuni, sia ben chiaro, di livello discretamente professionale, altri, invece, mediocri dilettanti allo sbaraglio, seguiti per mancanza di alternative fruibili. Tuttavia, essendo i “concerti” quasi l’unico collante, per passare le serate in compagnia dei compagni di Metaverso, attirano sempre una discreta presenza di “fans”. “O tempora o mores!” per dirla con Cicerone, e in attesa di meglio, ovviamente.

Snapshot_Concerti_001

Il “meglio” verrà da apporti nuovi, si presume, poiché la spinta propulsiva dei veterani risulta notevolmente affievolita. Resistono sempre, e sono attivi, alcuni artisti di punta, anche di livello internazionale, così come molti owners si fanno in quattro per offrire un minimo di intrattenimento presso le proprie land, e gli “stilisti” e i creativi continuano a proporre le loro idee, ecc. Ma la spinta propositiva, a mio parere, si è largamente esaurita.

Molti sono i progressi tecnologici in fase di sviluppo, e molti sono i progetti che bollono in pentola. Forse, per metà dell’anno prossimo il progetto sulla Next Generation di Second Life vedrà la luce, e sarà allora che, presumibilmente, potremo attenderci un risveglio di interesse e un apporto di forze fresche, e di nuove idee all’interno del Metaverso. Per il momento … qual è il concerto di stasera?

Ametista03

Il festival della solidarietà per l’ALS

by AquilaDellaNotte Kondor

 

Ametista04

L’Harvey Memorial Ensemble ALS Awareness è stata una manifestazione a scopo benefico, nata da un’idea di Kristine Blackadder, e poi di Elettra Beardmore e Sniper Siemens, organizzata dal gruppo Solo Donna, in collaborazione con la land Ametista. La manifestazione si è tenuta in memoria di Harvey22 Albatros, scomparso nell’ottobre del 2014, affetto da SLASclerosi Laterale Amiotrofica, o, in inglese, ALS – Amyotrophic Lateral Sclerosis.

La manifestazione si è tenuta a partire dal 22 febbraio, giorno dell’inaugurazione, e fino al 1 marzo, nella land Ametista in Second Life, messa a disposizione, per l’occasione, dagli owner Reiki Celtico, Asmodeus1x e Luna Oskar.

Molti sono stati i gruppi, circa trenta, che hanno aderito alla manifestazione, partecipando con propri DJ, artisti e cantanti, e molti sono stati anche gli artisti che hanno aderito a titolo individuale. L’adesione ed il supporto dei gruppi ha fatto da traino e da cassa di risonanza, alla manifestazione, richiamando una folla, quasi sempre costante, di oltre 50 avatar. Gli orari dell’evento sono stati dalle 16 del pomeriggio fino a notte inoltrata, per tutta la settimana.

Continue reading