La nascita di ITALIA-VIRTUALE

E così il treno di ITALIA-VIRTUALE si è messo in moto. Dopo i primi incontri, in cui ci si è confrontati sull’idea, e perfino sulla necessità, di costruire un Gruppo di coordinamento, tra Avatar e Land di buona volontà, si è passati alla fase operativa. Ben venti persone hanno aderito ai gruppi di lavoro che si sono costituiti, e il primo incarico, che si sono concordemente assegnati, è stato quello di stilare uno Statuto e un Manifesto di Programma, per i contenuti che il nuovo Gruppo vorrà trattare. Naturalmente, non si intende in alcun modo mettersi in competizione o in concorrenza con chicchessia, né gli owner delle land che hanno aderito (e gli altri che aderiranno) metteranno in alcun modo in discussione quanto hanno realizzato, con successo, negli anni precedenti, e che continueranno a portare avanti. Il Gruppo vuole dare un contributo fattivo, e un supporto, in termini di coordinamento tra soggetti, diversi e indipendenti, nello sviluppo delle attività della comunità virtuale italiana. Un contributo nel mettere insieme esperienze diverse, che divise avrebbero una forza minore, nell’affrontare le nuove sfide che verranno. E che i tempi siano maturi, anche in vista delle prossime evoluzioni tecnologiche, è un dato di fatto da tutti riconosciuto.

realtavirtualeter

Che cosa vuol dire mettersi insieme in un’impresa del genere, che tante volte ha visto dei fallimenti, in un passato ormai piuttosto remoto? Vuol dire creare un Gruppo in cui certi valori siano comuni, in cui è possibile condividere idee e realizzare progetti insieme. E vuol dire mettere a disposizione forze e contenuti per nuove iniziative, più impegnative rispetto alle tante, pur notevoli e di successo, che si sono alternate nel recente passato, in un periodo in cui un certo modello di Metaverso si è cominciato a sperimentare, con alterne fortune.

Naturalmente un gruppo deve necessariamente avere, oltre alle idee comuni, una organizzazione e delle regole, ed è su questo che i gruppi di lavoro stanno lavorando a una proposta da mettere poi insieme e renderla operativa. Ognuno collaborerà in piena libertà, dando quello che potrà, in termini di impegno e di contributo. Questo gruppo nasce per durare, e rispetterà pienamente i singoli e i gruppi già esistenti. Sarà un valore aggiunto, per la comunità italiana, e non una fonte di rivalità o di contrasti. E’ nato per unire, e non per dividere. Chi vorrà unirsi a noi in questa impresa, sarà accolto a braccia aperte. Quelli che invece, per passione, vocazione, o carattere, abbiano come unico scopo quello di creare contrasti e divisioni, o creare difficoltà agli altri, semplicemente riteniamo abbiano troppo da fare per unirsi a noi. Siamo certi che la chiarezza dei presupposti, e le regole che ci daremo, daranno un contributo allo sviluppo della comunità virtuale italiana. Vogliamo mettere in evidenza che il fatto che tale comunità risieda attualmente in Second Life, è unicamente una scelta dettata dalla contingenza dell’attuale sviluppo delle tecnologie. La comunità affronterà le evoluzioni tecnologiche con spirito aperto, e ampia disponibilità verso tutte le nuove piattaforme, pronti a seguirne l’evoluzione e le nuove realizzazioni. In bocca al lupo ai gruppi di lavoro di ITALIA-VIRTUALE e un invito ad altri Avatar e Land di buona volontà a unirsi a noi in questo progetto. Un saluto.

3 thoughts on “La nascita di ITALIA-VIRTUALE

  1. AquilaDellaNotte Kondor ha detto:

    Laura, stiamo completando la prima sessione di lavoro sulle regole e il programma. Appena l’avremo fatto (settimana prossima) gestiremo i nuovi ingressi nel gruppo. Le adesioni saranno sempre aperte a quelli che vorranno condividere il nostro programma. Pensiamo quindi di procedere per passi successivi, accogliendo quanti desidereranno unirsi a noi. Un saluto.

Rispondi